Category: News

Home / Category: News

Partenza per il The North Face Kalymnos Climbing Festival con i big che prendono le misure della Project Competition. L’atmosfera è già quella giusta: arrampicata mediterranea, roccia (fantastica, sole, mare e gioia di esserci. Il report dai nostri “climber per caso” Nicoletta Costi e Nicola Noè.

È una giornata stupenda, sole, aria tersa, mare piatto come uno specchio, i colori di Kantouni distanti sotto di noi sono saturi di una luce che abbacina. La salita verso l’Olimpo dell’arrampicata è lunga, ma lassù ci attendono emozioni forti.

Alziamo lo sguardo verso l’alto. I top gialli delle ragazze e le t-shirt arancioni dei ragazzi punteggiano la parete a diverse altezze. Passato l’ultimo sperone di roccia grigia, lo spettacolo che ci si presenta è inconsueto quanto unico: gli atleti top stanno provando, salendo o flashando le vie riservate loro da Kalymnos Climbing Festival.

Come ragazzini dinanzi ad un giocattolo nuovo non sappiamo dove guardare, le linee sono meravigliose, gli atleti impressionanti nei gesti e nel tifo che si fanno a vicenda. Ci lasciamo travolgere dal gioco, assieme ad altri climber “umani” che hanno rinunciato ad una mezza giornata di arrampicata per assistere alla Project competition, questo originale evento- nell’evento.

Questo raduno infatti si svolge su una falesia nuova e tenuta segreta fino a ieri sera, chiodata tra gli altri da Jacopo Larcher e Simone Moro. La formula è accattivante e prevede quattro vie per le ragazze e quattro per gli uomini: gli atleti hanno 25’ minuti per lavorare la via e poi si effettuano tentativi liberi … ma se si cade si ritorna a terra e si lascia il posto al prossimo! Il montepremi in denaro messo in palio su ciascun progetto viene diviso tra i ripetitori di ciascuna via.

Le immagini si susseguono nei nostri occhi: Melissa Le Neve prova i movimenti con Anna Stoehr; Yuji Hirayama, Dani Andrada e Kilian Fischhuber, appena scesi dal tiro, incitano chi sta salendo, Iker Pou e Daila Ojeda si scambiano impressioni entusiaste sulla nuova falesia, mentre Gabriele riceve un meritato applauso per aver chiuso il “suo” tiro, e ancora non abbiamo esaurito la lista dei nomi celebri… L’atmosfera è rilassata, amichevole e scherzosa, eppure i gesti dell’arrampicata sono quelli da rivedere 1000 volte per poter anche solo pensare di imitarli.

E siamo solo al primo giorno, domani i top climber continueranno la loro fatica, per i climber “umani” inizia la maratona sui 350 per la categoria OPEN (fino al 7a) e 155 per la categoria BIG (dal 7a+ all’8a)!

di Nicoletta Costi e Nicola Noè

Click Here: geelong cats guernsey 2019

La Prua di Valgua

August 23, 2019 | News | No Comments

Stefano Codazzi presenta la Prua di Valgua, la bella falesia di arrampicata sopra Bergamo con 23 tiri dal 4c al 7a.

Dalla passione e dalla determinazione di Stefano Codazzi a scovare nuovi terreni di arrampicata e grazie all’aiuto di tanti amici (R.Ferraris, F.Cornolti, S.Piantoni e tanti altri), ecco qua una nuova falesia per gli appassionati del verticale: la Prua di Valgua.

La parete, già esplorata in stile alpinistico negli anni 80, di ottimo calcare grigio e giallo si presenta da lontano come una grande prua che fuoriesce dal bosco, ma non lascia intendere la sua reale struttura, finche non si è alla base con il naso all’insù a guardarla : un grande pilastro di 50 m diviso a metà da un marcato e stupendo diedro, ed interrotto a destra da un grande camino.

La conformazione della roccia richiede uno stile di arrampicata diverso dalle altre pareti di Valgua, gli appigli sono spesso svasati, sfuggenti e disposti in modo bizzarro cosicché l’arrampicata a vista spesso risulta complicata , ma in compenso di grande soddisfazione.

La parete è composta da una prima fascia di roccia inclinata interrotta da una cengia oltre la quale si verticalizza per finire in strapiombo. E’ stato così possibile attrezzare nella prima fascia inclinata itinerari di 15m con difficoltà contenute (dal 4c al 5c) e protezioni ravvicinate (13 rinvii necessari), per poter consentire ai principianti e ai corsi di poter arrampicare in maniera sicura e tranquilla, proprio quello che mancava in Valgua! Dalle soste di questi tiri partono invece favolosi viaggi verticali per tutti i gusti fino a raggiungere i 40 m di sviluppo in totale (25 rinvii) e difficoltà in media intorno al 6b-6c.

In tutto si trovano 24 itinerari distinti che si possono concatenare a piacere, dato lo sviluppo della parete è necessario durante i concatenamenti avere una corda da 70 m alla destra del diedro e da 80m alla sinistra dello stesso. La falesia è nuova pertanto si raccomanda l’uso del casco a tutti!

L’attrezzatura della parete è stata possibile grazie al materiale acquistato con la colletta organizzata “per attrezzare Valgua” alla quale davvero tanti climber e amici hanno creduto dando il loro prezioso contributo e al materiale del progetto di richiodatura del 2004 in collaborazione con la Comunità Montana Valle Seriana.

La parete si raggiunge in 15 minuti dal parcheggio seguendo le indicazioni per lo Scoglio, poco prima del bivio per lo Scoglio un cartello indica di scendere a dx nel torrente ed una volta attraversato il torrente sul ponte in legno, si risale sx a prendere le corde fisse e seguendo il sentiero in breve si raggiunge la parete. L’esposizione a sud-est della parete permette di arrampicare in ombra in estate dalle 15.00. La roccia asciuga molto rapidamente.

Buone scalate e allenarsi!

Stefano Codazzi

FALESIA: Valgua

Click Here: Cheap Chiefs Rugby Jersey 2019

Il video del Festival di arrampicata su ghiaccio che si è tenuto dal 4 al 6 gennaio a Kandersteg in Svizzera.

Per il 14° anno Kandersteg in Svizzera ha ospitato l’Ice Climbing Festival, l’importante raduno nell’ Oberland Bernese che ha attirato circa 1.000 ghiacciatori provenienti da tutto il mondo. Un momento interessante per toccare e parlare di ghiaccio in tutte le sue forme, con workshops, serate (con Adam Ondra, Pietro dal Prà e Stefan Glowacz) ed una gara vinta dallo svizzero Patrick Aufdenblatten (per il secondo anno consecutivo) e dall’altoatesina Barbara Zwerger.

Click Here: Maori All Blacks Store

Il climber finlandese Nalle Hukkataival ha ripetuto Bügeleisen, il boulder di 8B+ aperto nel 2001 da Klem Loskot in Maltatal, Austria.

Nonostante le cattive condizioni meteo, il boulderista finlandese Nalle Hukkataival ha ripetuto Bügeleisen, il famoso blocco di 8B+ liberato dal fortissimo austriaco Klem Loskot nel 2001, nella bella valle austriaca del Maltatal. All’epoca della prima salita questa strapiombante, liscia lastra di roccia – da cui deriva il nome Bügeleisen, ovvero ferro da stiro – era considerata uno dei boulder più difficili del mondo ma ora Hukkataival ha fatto capire che non è solo difficile, ma anche bello, spiegando senza mezza termini: ” Bügeleisen è in realtà uno dei MIGLIORI boulder difficili del mondo.”

La ripetizione di Hukkataival è interessante per due motivi: in primo luogo, la sua dura lotta contro le prese bagnate (“Probabilmente la più epica battaglia che abbia mai combattuto con un boulder!”) che implicitamente fa pensare: se Nalle riesce a fare l’ 8B+ con condizioni proibitive, figuriamoci cosa riesce a fare quando l’aderenza è giusta. In secondo luogo, Hukkataival ha chiuso il boulder con la partenza originale, ovvero proprio come lo aprì Loskot, cioè con la partenza in piedi. L’evidente passo successivo sarebbe ora di aggiungere la partenza da seduti, che potrebbe regalare un grado ben più alto. “Ho subito fatto i movimenti della partenza seduta“ ci ha spiegato Hukkataival “ma mi sono ammalato e le condizioni erano cattive e quindi non ho mai avuto modo di provarlo.” Ora Hukkataival non si trova più nel Maltatal, gli è riuscito di ripetere il boulder proprio durante l’ultimo giorno del sua permanenza, ma senza dubbio la storia di Bügeleisen continuerà.

Click Here: Aston Villa Shop

Grandi climbers italiani in Spagna

August 23, 2019 | News | No Comments

Ad Oliana in Spagna Silvio Reffo ha salito un 8c+, mentre a Siurana Jacopo Larcher ha salito il suo secondo 9a.

Grandi notizie dalla Spagna dove in questo periodo invernale le falesie ribollono di attività. E gli italiani non si tirano certo in dietro. Come avevamo anticipato, Silvio Reffo e Gabriele Moroni si trovano attualmente ad Oliana dove, dopo un breve rodaggio (leggi Picos Pardos 8b per Reffo e Paper Mullat 8b+ per entrambi), Reffo è riuscito a salire Joe Blau, "un bellissimo e lunghissimo 8c+, caratterizzato da 45 movimenti intensi di 8c, seguiti da altri 50 movimenti di grande resistenza di 8b+ su prese mai troppo piccole." Da notare che Joe Blau era stata liberta da Chris Sharma ma questa di Reffo è la prima salita dopo la rottura di una presa all’inizio della via.

L’altra falesia invernale per eccellenza è Siurana e domenica scorsa sui suoi strapiombi gialli Jacopo Larcher è riuscito nella rotpunkt della breve ed intensa Jungle Speed di Daniel Jung. Questo è il secondo 9a di Larcher ed è complettamente diverso come stile rispetto al primo, la lunghissima Southern Smoke Direct a Red River Gorge. Larcher ha impiegato soltanto 10 tentativi sparsi su 3 giorni per questa via che molti dei nostri lettori si ricorderanno perché era una di quelle citate da Adam Ondra come una delle linee che non era riescito a chiudere. A proposito di Ondra: anche il ragazzo ceco si trova ad Oliana, per tentare assieme a Sharma quel super progetto che profuma di 9b e forse di più. Ieri, appena sbarcato dall’aereo, c’è andato vicino, come d’altronde anche Sharma…

Click Here: habitat tord boontje

Ivo Ferrari e la via Venti Polari, aperta sulla Punta Morasachini in Alta Val Masino da Giuseppe “Popi” Miotti, Guido Merizzi e Federico Madonna.

Se si gira l’angolo, e l’angolo non è proprio così vicino, sembra che tutto passi in secondo piano, diventi un qualcosa che non vale la pena fare, certe vie richiedono più che braccia, gambe e voglia di vedere il passato con gli occhi del presente.

Ho chiesto a parecchie persone “hai voglia” di accompagnarmi sulla Punta Morasachini, in alta Val Masino, li, nel centro del fotogenico Pilastro, Giuseppe “Popi” Miotti, Guido Merizzi e Federico Madonna prima dei “favolosi” anni ottanta tracciarono una linea naturale e elegante, una di quelle vie diventate col passare delle stagioni “per nostalgici”, il termine l’ho preso da una delle tante risposte alla mia richiesta.

E ciò è servito a stimolarmi ancora di più, giudicare senza avere appoggiato le mani, non è nel mio a pensare …

L’appuntamento è fissato per le cinque di mattina nel parcheggio dei bagni di Masino, Andrea ha accettato l’invito! Lui ci ha già provato, è salito lungo il ripido e lungo sentiero fino alla base, ma dopo due delle nove, lunghezze di corda, è stato ricacciato a valle dalla “forza” temporalesca della Natura.

…. Stiamo camminando nell’aria fresca di questa domenica di fine Giugno, lo zaino mi pesa sulle spalle, all’interno c’è di tutto, Amici e chiodi compresi …. Non fa caldo, ma questo è l’anno del fresco, dei camini accesi, della legna bruciata…

I numerosi torrentelli d’acqua che dobbiamo attraversare ci ricordano che l’inverno è stato lungo e nevoso, i fiori sono timidi e impacciati, così belli e così delicati sono strapazzati dalla meteo “strana” che in questi giorni attraversa le Alpi.

Non ci si mette poco ad arrivare alla base del Pilastro dei Venti Polari, così i primi apritori battezzarono la loro creatura verticale, il sudore si sfoga su tutto il corpo, le gambe lavorano a pieno regime …. Ma! Una volta sotto, con le scarpe nella neve, lo sguardo può ammirare contento la logica salita verso il cielo.

Quest’ anno sono più “nostalgico” del solito, ma credo che lo sarò per molto, molto tempo ancora, la mia voglia è di conoscere, di buttare nel pentolone tutto quello che ci sta, aumenta giorno per giorno, con il tempo dei fine settimana non si riempirà mai, e questo rimane L’IMPORTANTE!

La prima lunghezza visto la quota e il versante, la sento immediatamente, ogni gradazione sarebbe comunque “fredda” … tiro dopo tiro saliamo parlando e guardando il panorama lungo una serie di logiche lame e brevi passi di placca, una linea “divertente”, isolata dalla moda e dal curriculum, la roccia richiede attenzione, a volte, ciuffi d’erba disturbano l’arrampicata, è una vecchia linea e le poche ripetizioni non l’hanno certo pulita, chiodatura assente, poco più di trecento metri per poco più di tre ore di avvicinamento… il ritorno è ancora da occhi aperti e svegli, doppie su un chiodo che il mio martello ribatte accuratamente. Sono fortunato a essere un “nostalgico”.

Click Here: Fjallraven Backpacks

VENTI POLARI di GIUSEPPE “POPI” MIOTTI
A vederlo sembrava ostico e prometteva un terreno propizio a eroiche gesta su placche monolitiche; ma era anche bello, con quella sua forma di snella pera. Lo affrontai con Guido Merizzi e Federico Madonna nell’estate in cui ci dedicammo ad esplorare quella costiera, facendo anche un primo tentativo al pilastro del Singino. La salita deluse quella parte di noi che ambiva alla prestazione, ma si rivelò piacevole per quella parte che sotto sotto non disdegnava il facile travestito da impossibile. Per tutta la giornata fummo perseguitati da un implacabile vento da Nord che in qualche circostanza ci fece pensare alla fuga e il nome della salita venne facile facile. Poco prima delle Termopili c’è un sasso sulla destra del sentiero che presenta uno spigolo strapiombante (se ben ricordo) affacciato sul viottolo. Lo salimmo sulla via del ritorno abbinando una prima salita grande ad una piccola. Pertanto chi sale il Pilastro dei Venti Polari non può dire di averlo fatto se poi non supera anche il passaggio su quel masso.


IVO FERRARI 2013


24/06/2013 – Via Casarotto alla Roda di Vael: il moderno e il vecchio di Ivo Ferrari
10/06/2013 – Pareti che si chiamano Montagne, le Piccole Dolomiti
30/05/2013 – A Federico, la via sulla Presolana di Castione ti entra dentro.
27/05/2013 – Sul Pilastro Lomasti: la via Lomasti – Ricchi, di Ivo Ferrari
20/05/2013 – Via Del Risveglio sulla Parete Rossa di Catteissard
14/05/2013 – Sete d’Oriente al Castello Provenzale
17/04/2013 – Ho sentito le sirene cantare (Monte Gallo, Sicilia)
12/04/2013 – Sperlonga, l’arrampicata tra memoria e bellezza
04/04/2013 – La via Annamaria sulla Pala del Cammello
25/03/2013 – Grazie Heinz (Grill)
03/01/2013 – Hellzapoppin’, viaggio a ritroso nella storia dell’arrampicata

There is no denying that Michael Kors is a celebrated brand that has become synonymous with glamour. Collection after collection, the high-fashion label produces must-have accessories and ready-to-wear pieces that fulfil each and every one of your fashion needs – and its latest summer collection is no exception.

Featuring three versatile themes, the summer collection is one that ensures there is something for everyone. There are breezy Grecian-inspired styles, like the Eyelet Cotton Cutout dress, which pairs perfectly with the Marlon wedge; cheerful pieces like The Michael tote from the MKGO Rainbow collection, released in celebration of the 50th anniversary of gay pride; and the final offering, including an on-trend plaid boyfriend blazer and matching trouser, featuring monochromatic styles with pops of neon.

For Michael Kors friend of the brand, Australian model Jesinta Franklin, one of the highlights of the label’s summer collection is the line of Beach Club top-handle totes. Inspired by the designer’s love of the sun, sand and some of his favourite summer escapes, the collection of bags comes in an array of sorbet hues.

“I love the Tamarama Michael Kors Beach Club tote, the white is so fresh and I love that Michael Kors has featured a favourite local beach of mine,” Franklin told Vogue. “It’s the perfect size and I’m looking forward to taking it on my next vacation.”



Complete with a contemporary white trim that contrasts perfectly with the exterior of the bag, textured lettering that is created using a tufting technique, and just the right amount of space to carry all your summer necessities in, the Michael Kors Beach Club totes work perfectly with the brand’s entire summer collection.

Complete with a contemporary white trim that contrasts perfectly with the exterior of the bag, textured lettering that is created using a tufting technique, and just the right amount of space to carry all your summer necessities in, the Michael Kors Beach Club totes work perfectly with the brand’s entire summer collection.

The model confessed she’s looking forward to pairing her tote with an oversized shirt dress and a pair of sandals, a look she says is her go-to outfit for a long lunch by the sea.

“For me it’s about having good wardrobe staples that you can mix and match with each other,” she added. “With my white Tamarama Beach Club tote, I have also wrapped a patterned silk scarf around the handles for something fun for summer.”



As for what Franklin plans to carry in her favourite new tote, the model shares she can’t go anywhere without “a good book, a towel, an eco-friendly water bottle and a sun hat.”

“I like to buy handbags that are practical and classic,” Franklin told Vogue. “These totes are the perfect summer accessory because you can take it from the beach to the bar. Most beach bags or totes are just made for the beach, but the Michael Kors Beach Club totes are super stylish and glamorous that you want to take it wherever you go,” she added.

Shop the new summer collection here. Click Here: France Football Shop

21 of the most beautiful kitchens on Pinterest

August 23, 2019 | News | No Comments

Image credit: pinterest.com.au/lachie_heyes

It is a truth universally acknowledged that no matter which room of your house a party starts in, your guests will always end up in the kitchen – usually giggling over glasses of wine while gathered around the kitchen island, picking at a leftover cheese platter.

Image credit: pinterest.com.au/casavoguebrasil

The kitchen is called the heart of the home for good reason; food and emotion are inextricably linked in our minds. Preparing a meal is a labour of love. Whether the occasion is a new baby or a wake, a birthday celebration or farewell, a big event or simply a Wednesday night, we honour important people in our lives with good food. Good food that we make in our kitchens.

Image credit: pinterest.com.au/vogueaustralia

Australians spend huge amounts of time in their kitchens and invest a lot in them. The 2018 Houzz Home Renovation Trends Study found that kitchens are the most expensive room in the house to refurbish (with a median spend of $20,000), but they’re also the room Australians are most likely to renovate. Knocking through walls to turn an old-fashioned boxed-off kitchen into an open-plan space is incredibly popular, because it makes a home more social and interactive.

Image credit: pinterest.com.au/bloglovin

If you’re one of the many considering a kitchen renovation, there are a few things to be aware of. First is the sacred kitchen triangle – your stove, sink and refrigerator should be positioned in an easy-to-access triangle so you can seamlessly move from one to another. Also, seating. Kitchen designer and owner of Provincial Kitchens, Dominique McAdam, urges you to make one end of your kitchen island a table people can be seated around, “otherwise you end up sitting like little ducks in a row.” Having all the stools in one line is a bit antisocial and can make the person behind the sink feel like they’re being interviewed by a panel.

Image credit: pinterest.com.au/provkitchens

To encourage uncluttered bench tops, McAdams always builds oil and spice drawers next to the stove so they’re handy to use and put away. She also varies the heights of tiles, paneling and cabinetry on the walls so they don’t all end up in one line. “This creates visual interest and doesn’t look so block-y,” she says.

Image credit: pinterest.com.au/cotemaison

Scroll down for a large swathe of kitchen inspiration, from minimalist Scandinavian designs to colourful modern takes on the heart of the home.

Image credit: pinterest.com.au/design_visual

Image credit: pinterest.com.au/maisondepax

Image credit: pinterest.com.au/salmanelfirori

Image credit: pinterest.com.au/turbulencesdeco

Image credit: pinterest.com.au/billabongbutter

Click Here: Germany Football Shop

Image credit: pinterest.com.au/casadevalentina

Image credit: pinterest.com.au/casavoguebrasil

Image credit: pinterest.com.au/EcoWarrPrincess

Image credit: pinterest.com.au/gilcorcoran

Image credit: pinterest.com.au/hatcher0561

Image credit: pinterest.com.au/HOUSE0fHARPER

Image credit: pinterest.com.au/kimmyben6

Image credit: pinterest.com.au/madaboutthehous

Image credit: pinterest.com.au/moralesmelissa809

Image credit: pinterest.com.au/swatchpop

H&M has unveiled its new designer collaboration

August 23, 2019 | News | No Comments

Share

23rd Aug 2019

H&M has just announced a new collaboration with iconic British brand, Richard Allan, on a limited-edition collection of womenswear. The partnership will see a line which features the eclectic ‘60s designer’s now-iconic prints, originally printed on scarves, repurposed to feature on dresses, blouses, skirts, shirts, trousers and accessories. Throughout the collection, bright and graphic patterns won’t be the only retro trend tapped, with high necklines, wide cuffs and soft pleats reminiscent of ‘swinging ‘60s’ London also given a nod. [H&M]

Click Here: Germany Football Shop

Sydney-based brand Nagnata has announced it is once again collaborating with The Woolmark Company to produce Movement 004—an activewear collection which heroes a brand new sustainable textile sourced from merino wool. Transforming the luxury material into a technical fabric, its newly released pieces cater to the demands of any performance-focused garment with the added benefit of stretch and a soft touch. This drop heroes a range of seasonal colours, such as tropic green, turmeric and burgundy in a number of styles, including the sartorially celebrated bike short, crop tops, leggings and knitwear. The collection is available to shop now on Nagnata’s website. [Vogue Inbox]

Net-a-Porter is hosting an exclusive e-pop up store to showcase Tiffany & Co.’s new Tiffany T collection. The range—which was designed to embody confidence and modernity — heroes the letter ‘T’ in the form of strong clean lines. Expect pieces in 18k yellow, white and rose gold with inlaid stone features, including tiger’s eye, turquoise, pink opal and black onyx, plus the appearance of radiant mother-of-pearl. Whether you’re planning to wear the pieces individually or style them in a stack, you can now shop the collection here. [Vogue Inbox]

Calvin Klein’s newly-renovated Westfield Sydney store is reopening this Thursday 22nd August. With the re-open will also come the full range of the underwear brand’s autumn offering, including the #MyCalvins IRL range which features comfort-led basics as well as Calvin Klein’s legacy-inspired 1981 bold styles. And while you shop, you can spy the underwear brand’s latest campaign, which stars Naomi Campbell, Bella Hadid and Jacob Elordi. [Vogue Inbox]

On a similar note, the Sydney store reopening also happens to coincide with Calvin Klein’s brand new campaign, “Get Between Me And #MyCalvins”, which opposes the sentiment first uttered in Brooke Shields’s memorable ‘80s advert. In a number of images, which portray multiple iterations of modern love in everyday settings, the campaign stars a group of real-life couples—including pairs Patrick Schwarzenegger and Abby Champion, Iris Law and Jyrrel Roberts, and Aqua Parios and Selena Forrest—and features the iconic Calvin Klein logo emblazoned on minimalist and modern must-have pieces. [Vogue Inbox]

The first recipient of The Two Grant has been announced as Shayna Suppasiritad, founder of Coclo—an online fashion rental service which provides customers with carefully created capsule wardrobes which can be borrowed in lieu of purchasing apparel themselves. The grant—which is funded by Twoobs founders, sisters Jess and Stef Dadon — awards $7000 to budding female entrepreneurs. Applications for the next round of grants open today, and can be completed here. [Vogue Inbox]

Tommy Hilfiger has just announced the exciting launch of autumn’s 2019 Tommy Jeans drop—a collection which has been created using unused materials, trims and labelling. Celebrating quintessential Tommy Hilfiger denim designs, with an added twist, each piece in the collection pledges to be made from at least 90 per cent deadstock materials, including pre-used fabrics, rivets and leather patches. This follows the brand’s first collection made with 100 per cent recycled denim products produced for its spring/summer 2019 line. [Vogue Inbox]

In other store opening-related news, French label Sandro Paris is also celebrating a brand new standalone store in Westfield Sydney. Following its first Sydney store’s opening back in 2015, the brand is celebrating its second store — which opens on August 22—by giving away a pair of sunglasses with every purchase over $1,000, as well as complimentary Sandro Paris tote bags from the opening night, until stocks last. [Vogue Inbox]

Share

23rd Aug 2019

22 years after Jennifer Lopez starred in the biopic detailing the rise of Mexican-American singer Selena Quintanilla—a role which immediately proved to be the singer and actress’s big break—it was recently announced that the role will be reprised by Christian Serratos.

Currently starring as Rosita Alvarez on The Walking Dead, the 28-year-old actress—who also starred in the Twilight film series as Angela Weber—has been tapped to play the ‘Queen of Tejano’ music in a series titled Selena: The Series, which has already been locked in for two seasons as reported by Vulture.

Click Here: Germany Football Shop

If you never caught the original 1997 film starring Lopez, or are completely unfamiliar with the ill-fated story of the Mexican-American singer, allow us to get to you up to speed ahead of the much-anticipated series.

Beginning her music career at a young age alongside her equally musical siblings, Quintanilla finally got her big break in the ‘90s, becoming one of the more notable latinx artists to have a successful career in both the wider latinx community, and her native United States, in recent history. However, her rise to fame was cut short after she was shot and killed in 1995 at the young age of 23 by her business associate and fan club president, Yolanda Saldívar—who is currently serving a life sentence for the crime.

Not unlike the ‘90s film, the series will track the Texas native’s impressive career trajectory as well as her family life, according to W Magazine.

“Selena’s career achievements are legendary, but our scripted series will focus on the incredible story of a Mexican-American family and how an extraordinary young woman transcended categories and borders to become a global star,” said series producer Jaime Davila.

The series will be scripted by American Crime alum and Mexican-American novelist, Moisés Zamora, and will have father, Abraham Quintanilla Jr., her sister Suzette Quintanilla, and family attorney Simran A. Singh serving as executive producers.

While we haven’t yet had a glimpse of Alvarez, who also shares her Mexican heritage with the singer, in character, we don’t think she’ll have much trouble convincing audiences of her ability to embody the latinx singer, posting this photo just last month that is giving us some series JLo and Selena vibes.

There is no word yet on when the series will drop, but with the news that the series will begin production in Mexico within the next month, we could speculate that a 2020 release date is a definite possibility.